Un classico filosofico: Aristotele - Poetica vulgarizzata et sposta per Lodovico Castelvetro - 1576

ARISTOTELE.  Poetica d'Aristotele vulgarizzata, et sposta per Lodovico Castelvetro. Riveduta & ammendata secondo l'originale, & la mente dell'autore. Aggiuntovi nella fine un racconto delle cose pi¨ notabili, che nella spositione di contengono. In Basilea, ad istanza di Pietro de Sedabonis, 1576.

Cm. 23, pp. (16) 699 [recte 703] (57). Bel marchio tipografico al frontespizio e numerosi capilettera xilografici. Graziosa legatura settecentesca in mezza pelle con titoli su tass. e ricchi fregi in oro al dorso. Traccia di antica firma di possesso alla base del frontespizio. Arrossature sparse dovute alla qualità della carta, alone limitato all'angolo interno delle carte finali, peraltro esemplare nel complesso ben conservato. Celebre edizione della Poetica di Aristotele con l'importante commento di Lodovico Castelvetro (1505-1571). “Tra tutte le opere del Castelvetro, si è la presente lodatissima dal Maffei e dal Tiraboschi” (cfr. Gamba, nr. 1215) L'opera fu stampata da Pietro Perna (1519-1582), ritenuto uno dei più importanti tipografi della Basilea rinascimentale e protestante (per notizie sul tipografo si veda L. Perini, La vita e i tempi di Pietro Perna, p. 499, n. 375). Raro e ricercato. Cfr. anche Iccu; Adams, A-1908.