Vincentius Carocius - Tractatus locati et conducti - 1592

CAROCIUS VINCENTIUS.  Tractatus locati et conducti in quo de pensionibus, fructibus, caducitatibus, remissionibus, salarijs, & similibus, noua, quotidiana, & praticabilis materia pertractatur. Venetiis, apud haeredem Luciani Pasini [al colophon: apud haeredes Melchioris Sessae], 1592.

Cm. 30, cc. (14) 272. Bel marchio tipografico al frontespizio bicromo, graziose testatine, finalini e capilettera xilografici. Legatura tardo settecentesca in mezza pelle con titoli su tassello e fregi in oro al dorso. Timbretto di avvocato sette/ottocentesco e antica nota manoscritta di possesso al frontespizio; sguardia anteriore mancante. Minime fenditure alla parte alta delle cerniere, piatti un po' lisi, sporadiche macchiette, trascurabile segno di tarlo limitato al margine interno di alcune carte (lontano dal testo). Nel complesso esemplare più che discreto. Di Vincenzo Carocci, giureconsulto originario di Todi e attivo tra la fine del Cinquecento e gli inizi del Seicento, si hanno pochissime notizie biografiche. Scrisse numerosi trattati di diritto civile tra cui spicca questa monografia dedicata alla locazione che, grazie alle innumerevoli ristampe, gli garantì fama in tutta Europa. Cfr. Iccu; non in Sapori che menziona altre edizioni.