John Staurt Mill - La libertà - Il governo rappresentativo - Torino 1865

STUART MILL JOHN.  La libertà. Torino, Tipografia della Rivista dei Comuni Italiani, 1865.

Pp. 173 (7). Unito a: STUART MILL JOHN. Il governo rappresentativo ... Traduzione fatta sull'ultima edizione inglese da F. P. Fenili. Torino, Tipografia della Rivista dei Comuni Italiani, 1865. Pp. 332 (4). Unito a: GNEIST RODOLFO. Il bilancio e la legge secondo il diritto costituzionale inglese ... Precedute da una lettera di Ruggiero Bonghi ad Angelo Messedaglia. Firenze, Tipografia dei successori Le Monnier, 1869. Pp. (2) xv (1), 64. Tre opere in volume di cm. 16,5. Legatura coeva in mezza pelle con titoli e filetti in oro al dorso. Lievi e sporadiche arrossature, peraltro esemplare ben conservato. Prima opera: John Stuart Mill (1806-1873), celebre filosofo e pensatore politico inglese, è ritenuto uno dei padri dell'idea liberale. On liberty è l'opera più celebrata ed esemplificativa di questa spinta riformatrice. Alla dottrina economica Mill applicava la sua concezione di morale utilitaristica, finalizzata al raggiungimento del maggior benessere per il maggior numero possibile d'individui. Rara prima traduzione italiana curata da Giuseppe Marsiaj. Cfr. Iccu. Seconda opera: Quest'opera (titolo originale: Considerations on representative government) descrive le linee essenziali del buon governo dello stato. Rara prima traduzione italiana curata da Francesco Paolo Fenili. Cfr. Iccu. Terza opera: Rudolf von Gneist (1816-1895) giurista e uomo politico tedesco, fu un pensatore liberale schierato al fianco del Cancelliere Otto von Bismark contro cattolici e socialdemocratici. Nel 1875 fu nominato membro della prima corte suprema amministrativa di Germania. Prima traduzione italiana. Cfr. Iccu.