Giovanni Battista Della Porta - De humana physiognomonia libri IV - 1601

DELLA PORTA GIOVANNI BATTISTA.  De humana physiognomonia libri IV. Qui ab extimis, quæ in hominum corporibus conspiciuntur signis, ita eorum naturas, mores, & consilia (egregiis ad viuum expressis iconibus) demonstrant, vt intimos animi recessus penetrare videantur. Ursellis, typis Cornelii Sutorii, sumptibus Ione Rosae Fr., 1601.

Cm. 18, pp. (16) 534 (58). Con 2 ritratti (Della Porta e il cardinale Luigi d'Este) incisi f.t. e decine di suggestive illustrazioni xilografiche n.t. Frontespio in rosso e nero con bel marchio tipografico. Legatura coeva in piena pergamena rigida con titoli ms. al dorso; piatti inquadrati da duplice filetto impresso a secco. Firme di possesso al frontespizio anticamente cassate, piccola mancanza alla parte alta del dorso, minima frastagliatura al margine esterno/alto del frontespizio, fioriture/bruniture dovute alla qualità della carta. Esemplare nel complesso genuino e in buono stato di conservazione. Giovanni Battista Della Porta (1535-1615), originario di Vico Equense, fu filosofo, scienziato e alchimista. L'opera fu pubblicata per la prima volta in latino nel 1586 e fu sottoposta alla censura ecclesiastica per sospetta divulgazione delle arti magiche e dell'astrologia. Anche per la traduzione in volgare l'Autore incontrò numerose traversie, tanto che uscì a Napoli solo nel 1598 sotto lo pseudonimo di Giovanni de Rosa. Rara edizione belga stampata con l'Autore ancora in vita e sconosciuta alle principali bibliografie. Cfr. Iccu; per altre edizioni Brunet, IV, 825-26; Caillet, 8858; Graesse, V, 417; Choix, 13522.

Altri libri per "astrologia" o "fisiognomica"