Il primo testo di economia aziendale in Italia: Giovanni Domenico Peri - Il negotiante - 1682

PERI GIOVANNI DOMENICO.  Il negotiante diviso in quattro parti. Venetia, presso Gio. Giacomo Hertz, 1682.

Quattro parti (con autonomi frontespizi) in un volume di cm. 22, pp. (8) 255 (1); (8) 168; (8) 166 (6); (12) 94. Bellissimi marchi tipografici ai frontespizi, testatine, bei finalini ed eleganti capilettera. Legatura in piena pergamena antica rimontata con titoli impressi al dorso. Alone diffuso nella parte interna delle pagine (più evidente nelle carte iniziali dove riscontriamo anche un restauro nella parte alta delle pagine), sporadiche macchiette. Esemplare comunque completo e complessivamente in discreto stato di conservazione. Importante e raro trattato sul commercio scritto dall'economista e mercante genovese Giovanni Domenico Peri (1590-1666) e pubblicato per la prima volta nel 1638. L'opera è considerata il primo testo di economia aziendale in Italia. Oltre a indicazioni sulla gestione aziendale, l'opera include formule di corrispondenza, esempi di registrazioni a partita doppia e questioni di tipo giuridico, in particolare sul contratto di assicurazione. La prima parte è stata pubblicata nel 1638, la seconda nel 1647, la terza nel 1651 con il titolo I frutti di Albaro, mentre l'ultima fu stampata a Venezia da Giacomo Hertz nel 1665. In particolare, I frutti di Albaro offre un panorama economico e commerciale non soltanto dell'area genovese, fornendo dettagli sulla fabbricazione della carta, sui contratti di mutui alle fiere internazionali, sulla navigazione e la pirateria nel Seicento (cfr. M. Maira Niri, Gio. Domenico Peri, scrittore, tipografo, uomo d'affari nella Genova del Seicento, in "La Berio", Genova, Comune di Genova, XXVI 1986, nr. 3, pp. 3-27). Lo storico belga Raymond de Roover ha definito l'opera di Peri "il più importante manuale per la pratica degli affari" (R. de Roover, L'evolution de la lettre de change, XIV-XVIII siècles, Paris, Colin, 1953, p. 69-70). "È notata dal Libri come una delle opere più interessanti di tecnica bancaria. Il Soprani dice che questa opera venne tradotta ad Amsterdam" (Riccardi, I, p. 261). "It is a technical handbook for merchants, to teach them trading and book-keeping. It contains also interesting historical notices on the exchanges between the principal Italian and foreign cities. Peri demonstrates the importance of merchants and treats also of mercantile contracts. The work is still interesting, especially for the history of the mercantile customs of those times" (Palgrave III, 94). Cfr. anche Iccu; Cat. Einaudi, II, nr. 4392-93; e per altre edizioni Piantanida, nr. 1111-12: "Tra le opere più interessanti per la storia dell'aritmetica bancaria".