Un classico di storia dell'agricoltura: Pietro de' Crescenzi - Trattato dell'agricoltura - 1605

CRESCENZI (DE) PIETRO.  Trattato dell'agricoltura ... Diviso in dodici libri, ne' quali distintamente si tratta delle piante, e degli animali. In Firenze, appresso Cosimo Giunti, 1605.

Cm. 22, cc. (4) 576 (6). Marchio tip. al frontespizio, testatine e bei capilettera xilografici. Ottima legatura antica in piena pergamena rigida con titoli in oro su tassello in pelle al dorso; tagli spruzzati. Trascurabile alone alone limitato all'angolo alto bianco delle prime carte e al margine inferiore bianco delle ultime carte, arrossature e fioriture sparse. Esemplare nel complesso ben conservato. Pietro de' Crescenzi (1230-1320), giudice bolognese, è noto soprattutto per queste osservazioni sull'agricoltura, fondate sugli apporti dei classici e sulla personale esperienza. L'opera è divisa in dodici libri dedicati ai seguenti argomenti (suddivisi in centinaia di voci): venti, acque, pozzi, canali, campi e strumenti di lavoro, aratri, semina e coltivazione (grano, farro, fagioli, lino, orzo, miglio, pisello, segala, riso...), viti e vigne (tecniche, potatura, conservazione, lavorazione, processi vinicoli...), alberi e frutti (ciliegio, castagno, melo, fico, nespolo, pero, quercia, acero, ginestra, oppio, olmo, cipresso, faggio, acero, abete...), orti, verdure e fiori (aglio, bietola, basilico, zucca, cavolo, cipolla, comino, cardo, cicuta, endivia, finocchio, genziana, giglio, malva, menta, papavero, origano, prezzemolo, spinaci, rapa, asparago...), prati e boschi, giardini, animali (muli, buoi, asini, vacche, agnelli, capre, fagiani, oche, anitre, galline, colombi, api, pesci e numerosi rapaci...), calendario annuale (mese per mese) delle diverse attività agricole. Stimata edizione in lingua volgare con la traduzione dal latino di Sebastiano Rossi. Cfr. Gamba, 375; Ceresoli, 185; Westbury, 14; Brunet, II, 418.