Commercio ed economia nel Seicento: Della Torre - Tractatus de cambiis - 1641 (rara prima edizione)

DELLA TORRE RAFFAELE.  Tractatus de cambiis. Genuae, excudebat Petrus Ioannes Calenzanus, 1641.

Cm. 34, pp. (16) 563 (1), 16, (110). Stupendo frontespizio allegorico inciso in rame raffigurante una torre (richiamante il cognome) con ritratto dell'A., due leoni ai lati, un angelo sovrastante con in mano tomo giuridico, infine cavalli, edificio, mare e barca sullo sfondo. Bella legatura strettamente coeva in piena pergamena rigida; dorso a 5 nervi con titoli ms. Tagli spruzzati. Quale inevitabile macchietta sparsa, sporadiche arrissature, strappetto al margine bianco di p. 155 senza interessamento del testo. Esemplare nel complesso fresco e ben conservato. Raffaele Della Torre (o De Turri, 1579-1667), giurista e pensatore politico genovese di primissimo piano, fu autore di opere relative alla politica genovese, veneziana e napoletana, ma soprattutto di un vasto repertorio di riflessioni e dissertazioni dedicate al cambio, idealmente raccolte ed ordinate in quest'importante trattato. La trattazione, divisa in tre grandi disputationes, indaga i concetti di cambio, moneta, prezzo, banchiere, interesse; in appendice numerose decisioni rotali, riflessioni dedicate alla dottrina sul cambio dei principali giuristi seicenteschi, ed infine i "Capitoli et ordini delle Fere di Besenzone che si fanno al presente nella città di Piacenza" esposti in italiano e latino e narranti la disciplina di cambi e banche in specifici contesti commerciali come fiere e mercati. Rarissima prima edizione. Cfr. Sapori, 1043; Piantanida, 1094; Edizioni giuridiche antiche in lingua italiana, I, 1, p. 373.

Altri libri per "diritto" o "economia"