Torquato Tasso - La Gerusalemme liberata - Padova 1628 (con 21 tavole)

TASSO TORQUATO.  La Gerusalemme liberata con la vita di lui, con gli argomenti a ciascun canto di Bartolomeo Barbato con le annotationi di Scipio Gentile, e di Giulio Guastavino, e con le Notitie historiche di Lorenzo Pignoria. In Padova, per Pietro Paolo Tozzi, 1628.

Cm. 23,5, pp. (16) 408. Con splendido frontespizio figurato, ritratto diTasso a piena pagina e 20 suggestive tavole xilografiche poste a corredo di ogni canto [contrassegnate con la sigla V.F.: Baverel e Malpé (Notices sur les graveurs, p. 277) le attribuiscono al pittore e incisore veronese Francesco Valesio (1570 ca. – 1650 ca.)]. Bellissimo disegno di mano coeva raffigurante un cavaliere a p. 19 (al verso bianco della seconda tavola). Bella legatura ottocentesca in piena pergamena rigida con titoli su doppio tassello in pelle rossa e ricchi fregi in oro al dorso. Sporadiche bruniture, leggere fioriture sparse e qualche isolata macchiolina, peraltro esemplare nel complesso ben conservato. Pregevole edizione del capolavoro di Torquato Tasso (1544-1595), con le annotazioni del grande giurista e letterato di San Ginesio Scipione Gentili (1563-1616), già stampate autonomamente nel 1623. L'edizione presenta anche la vita di Tasso scritta da Bartolomeo Barbato e le Notizie storiche di Lorenzo Pignoria (1571-1631), celebre erudido nonché storico collaboratore a Padova dell'editore Pietro Paolo Tozzi. Cfr. Iccu; La raccolta tassiana della biblioteca civica A. Mai di Bergamo, 209; Gamba, 948; Graesse, VII, 33.