Arthur Schopenhauer - Leggere significa pensare con la testa altrui

Arthur Schopenhauer - Leggere significa pensare con la testa altrui invece che con la propria

Brani scelti: ARTHUR SCHOPENHAUER, L'arte di insultare (Adelphi, 1999).

Leggere significa pensare con la testa altrui invece che con la propria. Il furore di leggere libri della maggior parte dei dotti Ŕ una specie di fuga vacui, un fuggire dal vuoto di pensiero dei loro cervelli, che attira dentro a forza sostanza estranea: per avere pensieri devono leggerli altrove, come i corpi inanimati ricevono il movimento solo dall'esterno, mentre coloro che sono dotati di pensiero proprio sono come i corpi viventi che si muovono da sÚ.

L'arte di non leggere Ŕ molto importante. Essa consiste nel non prendere in mano quello che di volta in volta il vasto pubblico sta leggendo, come per esempio libelli politici e letterari, romanzi, poesie e simili cose, che fanno chiasso appunto in quel dato momento e raggiungono perfino parecchie edizioni nel loro primo e ultimo anno di vita. Pretendere che un individuo ritenga tutto quanto ha letto Ŕ come esigere che porti ancora dentro di sÚ tutto quanto ha mangiato.