Ludovico Pontano "Romano" - Consilia - Lugduni 1555

PONTANUS LUDOVICUS (LUDOVICO ROMANO).  Consilia. Lugduni, excudebat Claudius Servanius , 1555.

Cm. 41,5, cc. (20) 166. Splendido frontespizio  in rosso e nero con dati tip. e marca entro cornice architettonica con colonne laterali; numerosi graziosi capilettera xil. Legatura coeva in mezza perg. (dorso ricavato da codice manoscritto tardo-medievale e piatti in cart. rigido) con titoli ms. al taglio di piede. Margine superiore del piatto anteriore leggermente usurato. Alone chiaro, macchiette sparse. Buon esemplare. Ludovico Pontano, (1409-1439), detto Romano, nacque a Spoleto e morì, ancora giovanissimo, a Basilea (dove si trovava come delegato di Alfonso d'Aragona al Concilio). Addottoratosi a Bologna, salì in cattedra a Siena nel 1433 e in seguito fu protonotario a Roma; lasciò, oltre a questa straordinaria raccolta di 524 consilia, anche singularia di materia criminalistica e commentari al corpus giustinianeo. Ludovico Romano, nonostante la produzione scientifica temporalmente limitata, fu certamente una delle principali figure del Quattrocento giuridico europeo.