Plinio il Giovane - De gli huomini valorosi et illustri - Venezia 1548

PLINIO IL GIOVANE.  De gli huomini valorosi et illustri, tradotto di latino in lingua toscana, da messer Paulo del Rosso. In Vinegia, (per Comin da Trino di Monferrato), (1548).

Cm. 14, cc. (36). Marchio tip. al frontespizio e numerosi splendidi capilettera xil. Legatura in perg. antica forse rimontata. Esemplare un po' corto di margini, alone perlopiù marginale, limitato alla seconda parte del volume, peraltro esemplare nel complesso ben conservato. Gaio Plinio Cecilio Secondo (61-113?), scrittore di origini comasche fu il nipote di Plinio il Vecchio. Cresciuto dottrinalmente nella scuola di Quintiliano fu grande amico di Tacito, si dedicò alla storia e soprattutto alla carriera politica, prima come senatore e poi come governatore. Quest'opera raccoglie 77 brevi ritratti di uomini illustri dell'epoca romana. Seconda edizione del volgarizzamento curato dal fiorentino Paolo del Rosso (1505-1569) ed edito da Giolito appena due anni prima. Opera di incerto autore, attribuita a S. Aurelio Vittore, Cornelio Nepote e C. Svetonio Tranquillo e quindi proprio a C. Plinio Cecilio Secondo. Raro. Cfr. Iccu.