Ioannes Sleidanus - De statu religionis et Reipublicae - Lugduni 1559

IOANNES SLEIDANUS .  De statu religionis et Reipublicae, Carolo V, Caesare, commentarii. Additus est liber XXVI. (Lugduni), excudebat Conradus Badius , 1559.

Cc. 458 (14). Unito a: SLEIDANUS IOANNES. De quatuor summis imperiis, babylonico, persico, graeco, et romano, libri tres. Stessi dati tip. Cc. 50 (6). Due parti in un volume di cm. 11,5. Ex-libris Jacques Berriat-Saint-Prix (1769-1845) grande giureconsulto e letterato francese. Bellissime vignette xilografiche ai due frontespizi. Testo in splendido carattere minuscolo. Legatura antica verosimilmente sei-settecentesca in piena pelle, dorso a 5 nervi con piatti e scomparti inquadrati da filetto impresso a secco; tagli spruzzati. Alcuni piccoli forellini al dorso, esemplare un po' corto di margini, qualche trascurabile alone, peraltro ottimamente conservato. Johann Sleidan (1506-1556), reputato uno dei più grandi storici tedeschi, ebbe atteggiamenti critici verso Carlo V che infatti, non a torto, lo considerava un avversario. Quest'importante opera di storia della Riforma ebbe grande diffusione, fu tradotta in tedesco, francese ed italiano e subì numerose contraffazioni editoriali. Raro. Verosimilmente prima edizione completa dei ventisei libri. L'edizione originale del 1555 uscì in 25 libri, quest'edizione presenta il ventiseiesimo postumo nonché il De quatuor summis imperiis. Cfr. Brunet, V, 409; Graesse, VI, 420; non in Adams.