Un capolavoro del Realismo magico: Gregorio Sciltian - Il filatelico 1947 (riproduzione autografata)

GREGORIO SCILTIAN.  Il filatelico. 1947.

Cm. 68 x 60,5. Riproduzione d'epoca realizzata su carta applicata a tavola di legno. Firma autografa “Gregorio Sciltian” apposta nel retro in basso a sx. Qualche piccolo segno del tempo, peraltro esemplare ben conservato. Il filatelico, realizzato nel 1947, è un dipinto conosciuto in tutto il mondo (tanto da diventare un francobollo in alcuni paesi dell'America latina) e considerato un simbolo iconografico nel mondo del collezionismo, della filatelia e della bibliofilia. Gregorio Sciltian (1900 -1985), considerato a pieno titolo un dei pittori tecnicamente più virtuosi del Novecento, effettua gli studi classici tra l'Armenia e la Russia, ma dimostra sin da subito un forte interesse per l'arte. Si iscrive così all'Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo, avvicinandosi soprattutto all'illustrazione Art Nouveau di Aubrey Beardsley (1872-1898). Esordisce nel 1915 a Rostov, con opere molto sensibili alle avanguardie del momento, in particolare al cubofuturismo. In realtà supererà ben presto questa fase, per farsi interprete di una pittura classica, profondamente ispirata all'antico. Sciltian si trasferisce da Mosca a Vienna nel 1919 per studiare presso la locale Accademia di Belle Arti, ma sfrutta soprattutto la possibilità di visitare i musei e di conoscere l'arte del Rinascimento. Il desiderio di visitare l'Italia diviene dunque inevitabile: vi si trasferisce nel 1923, stabilendo il suo studio a Campo de' Fiori. Inizialmente il suo inserimento nel contesto artistico della Capitale non risulta affatto facile. È un pittore che riporta in vigore tutti gli stilemi della pittura del Cinquecento e del Seicento: la precisione disegnativa e chiaroscurale e il realismo di ascendenza fiamminga con tutta la visione lenticolare che esso comporta. Natura morta e trompe l'œil resi con una tecnica impeccabile, diventano la sua cifra caratteristica. Dopo aver esposto alla Biennale di Venezia del 1926, Gregorio Sciltian si stabilisce per qualche anno a Parigi, per fare ritorno in Italia nel 1934. Ormai il successo lo spinge a esporre alla più importanti rassegne italiane ed europee e a organizzare diverse personali. Nel 1947 firma, insieme ai fratelli Xavier (1915-1979) e Antonio Bueno (1918-1984) e a Pietro Annigoni (1910-1988) il Manifesto dei Pittori Moderni della Realtà. Con esso, si oppone alle tendenze astratte e aniconiche che sia andavano profilando in Italia e in Europa in quel momento. Sciltian rimase sempre fedelissimo al reale e all'esempio degli antichi maestri, sia dal punto di vista tematico che tecnico. NON DISPONIBILE

Richiedi informazioni