Cesare Pavese - Qualunque cosa succeda colpa nostra

Cesare Pavese - Qualunque cosa succeda  colpa nostra

Brani scelti: CESARE PAVESE, Il mestiere di vivere (Torino, Einaudi 1952).

Vedo la scena. Lei che sfugge sempre, volubile, alla compagnia; si alza da tavola, interrompe colloqui, va al telefono, ecc., e a chi le rimostra i suoi doveri, risponde: «Colpa tua che non sai interessarmi e farmi stare seduta». Una simile risposta presuppone inasprimento interiore di adolescenza, perché sottintende che le cose sarebbero potute andar diverso se il compagno fosse stato diverso. Equivoco che si prende da adolescenti ma non dopo, quando si è capito che qualunque cosa succeda è colpa nostra.