Cesare Pavese - Mattino

Cesare Pavese - Mattino

Poesie scelte: CESARE PAVESE, Mattino, (Lavorare stanca, 1936).

La finestra socchiusa contiene un volto
sopra il campo del mare. I capelli vaghi
accompagnano il tenero ritmo del mare.

Non ci sono ricordi su questo viso.
Solo un'ombra fuggevole, come di nube.
L'ombra č umida e dolce come la sabbia
di una cavitą intatta, sotto il crepuscolo.
Non ci sono ricordi. Solo un sussurro
che č la voce del mare fatta ricordo.

Nel crepuscolo l'acqua molle dell'alba
che s'imbeve di luce, rischiara il viso.
Ogni giorno č un miracolo senza tempo,
sotto il sole: una luce salsa l'impregna
e un sapore di frutto marino vivo.

Non esiste ricordo su questo viso.
Non esiste parola che lo contenga
o accomuni alle cose passate. Ieri,
dalla breve finestra č svanito come
svanirą tra un istante, senza tristezza
né parole umane, sul campo del mare.