Charles Baudelaire - Profumo esotico

Charles Baudelaire - Profumo esotico

Poesie scelte: CHARLES BAUDELAIRE, Profumo esotico, (Les fleurs du mal, 1857).

Quando, con gli occhi chiusi, in una calda
sera d'autunno, del tuo ardente seno
il profumo respiro, vedo svolgersi
rive felici che, con le sue fiamme,
un monotono sole lento abbaglia;
un'isola indolente ove creato
ha la natura alberi strani e frutti
saporiti; ove gli uomini hanno il corpo
snello e forte; ove l'occhio delle donne
per la sua schietta luce meraviglia.
Guidato dal tuo odore verso climi
affascinanti, vedo un porto fitto
d'alberi e vele ancora affaticate
dal fluttuare dei marosi, mentre
il profumo dei verdi tamarindi
che circola nell'aria e che mi gonfia
le nari, dentro l'anima si mischia
con il canto, laggių, dei marinai.

Traduzione: Luigi de Nardis (Milano, Feltrinelli 1961)