Emily Dickinson - Caro Marzo

Emily Dickinson - Caro Marzo

Poesie scelte: EMILY DICKINSON, Caro Marzo  (nr 1320).

Caro Marzo Entra
Come sono felice
Ti aspettavo da tanto
Posa il Cappello
Devi aver camminato
Come sei Affannato
Caro Marzo, come stai tu, e gli Altri
Hai lasciato bene la Natura
Oh Marzo, Vieni di sopra con me
Ho così tanto da raccontare

Ho avuto la tua Lettera, e gli Uccelli
Gli Aceri non sapevano che tu stessi arrivando
L'ho annunciato come sono diventati Rossi
Però Marzo, perdonami
Tutte quelle Colline che mi lasciasti da Colorare
Non c'era Porpora appropriata
L'hai portata tutta con te

Chi bussa? Ecco Aprile
Chiudi la Porta
Non voglio essere incalzata
È stato via un Anno per venire
Ora che sono occupata
Ma le inezie sembrano così banali
Non appena arrivi tu

Che il Biasimo è caro come la Lode
E la Lode effimera come il Biasimo

---

Dear March - Come in -
How glad I am -
I hoped for you before -
Put down your Hat -
You must have walked -
How out of Breath you are -
Dear March, how are you, and the Rest -
Did you leave Nature well -
Oh March, Come right upstairs with me -
I have so much to tell -

I got your Letter, and the Birds -
The Maples never knew that you were coming -
I declare - how Red their Faces grew -
But March, forgive me -
And all those Hills you left for me to Hue -
There was no Purple suitable -
You took it all with you -

Who knocks? That April -
Lock the Door -
I will not be pursued -
He stayed away a Year to call
When I am occupied -
But trifles look so trivial
As soon as you have come

That blame is just as dear as Praise
And Praise as mere as Blame -