Epicuro - ╚ meglio essere senza fortuna ma saggi, piuttosto che fortunati e stolti

Epicuro - ╚ meglio essere senza fortuna ma saggi, piuttosto che fortunati e stolti

Brani scelti: EPICURO, Lettera a Meneceo (sulla felicità), III secolo a.C.

La fortuna per il saggio non è una divinità come per la massa ľ la divinità non fa nulla a caso ľ e neppure qualcosa priva di consistenza. Non crede che essa dia agli uomini alcun bene o male determinante per la vita felice, ma sa che può offrire l'avvio a grandi beni o mali. Però è meglio essere senza fortuna ma saggi che fortunati e stolti.

E nella pratica è preferibile che un bel progetto non vada in porto piuttosto che abbia successo un progetto dissennato. Medita giorno e notte tutte queste cose e altre congeneri, con te stesso e con chi ti è simile, e mai sarai preda dell'ansia. Vivrai invece come un dio fra gli uomini. Non sembra più nemmeno mortale l'uomo che vive fra beni immortali.