Erasmo da Rotterdam - Elogio della follia (Parla la follia, IV)

Brani scelti: ERASMO DA ROTTERDAM, Elogio della follia (Parla la follia, IV).
[Edizione Acrobat a cura di Patrizio Sanasi]

Da me ascolterete un discorso estemporaneo e non elaborato, ma tanto pi vero. Non vorrei per che lo riteneste composto per farvi vedere quanto sono brava, come usa il branco dei retori. Costoro, come sapete, di un'orazione su cui hanno sudato trenta lunghi anni - e qualche volta l'ha fatta un altro - giurano che l'hanno buttata gi, e magari dettata, in tre giorni, quasi per svago. A me, invece, sempre piaciuto moltissimo dire tutto quello che mi salta in mente.
Nessuno, perci, si aspetti da me che, secondo il costume di codesti oratori da strapazzo, definisca la mia essenza, e tanto meno che la distingua analizzandola. Sono infatti cose di malaugurio, sia porre dei confini a colei il cui potere sconfinato, sia introdurre delle divisioni in lei, il cui culto oggetto di cos universale consenso. D'altra parte perch una definizione, che sarebbe quasi un'ombra e un'immagine, quando potete vedermi con i vostri occhi?