Giacomo Leopardi - L'importanza delle illusioni

Giacomo Leopardi - L'importanza delle illusioni

Brani scelti: GIACOMO LEOPARDI, Zibaldone, 1817/32 (postumo).

Le illusioni per quanto sieno illanguidite e smascherate dalla ragione, tuttavia restano ancora nel mondo, e compongono la massima parte della nostra vita. E non basta conoscer tutto per perderle, ancorché sapute vane. E perdute una volta, né si perdono in modo che non ne resti una radice vigorosissima, e continuando a vivere, tornano a rifiorire in dispetto di tutta l'esperienza, e certezz acquistata. [...] Nessuna dolce e nobile ed alta e forte illusione puō stare senza la grande illusione dell'amor proprio, l'illusione della stima di se stesso e della speranza. Togliete via questa, tutte le altre verranno meno immantinente, e potrete conoscere allora che questa era il fondamento e la nutrice, per non dir la radice e la madre di tutte l'altre.