Saffo - All'Amata (frammento 2)

Poesie scelte: SAFFO, All'Amata (frammento 2).
[traduzione di Giuseppe Bustelli, 1863]

Donna, beato, uguale,
Parmi a un Dio quel mortale
Che ti siede di fronte, e, a te ristretto,
Soavemente favellar ti sente,
Sorridere ti mira amabilmente.
Com'io ti vidi, in petto
Attonito, distretto
Sentimi il cor; com'io ti vidi, spenta
Manc la voce nella gola; ratto
La lingua a me fiaccavasi, e di tratto
Serpeggiando una fiamma
Sottile, i membri infiamma;
Fugge dagli occhi la veduta; ingombra
Le orecchie un zufolio; ghiaccio un sudore
Discorre, e tutta m'occupa un tremore:
Per ch'io com'erba imbianco,
E per poco io non manco,
E fuor di vita appajo. Or ogni ardita
Opra tentar vogl'io, poi che mendica...