Trilussa - L'onestÓ de mi' nonna

Trilussa - L'onestÓ de mi' nonna

Poesie scelte: TRILUSSA, Sonetti romaneschi (Roma, Enrico Voghera, 1909).

Quanno che nonna mia pijò marito
nun fece mica come tante e tante
che doppo un po' se troveno l'amante ...
Lei, in cinquantanni, nu' l'ha mai tradito!

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito
che je voleva fa' lo spasimante
je disse: - V'arigalo 'sto brillante
se venite a pijavvelo in un sito. -

Un'antra, ar posto suo, come succede,
j'avrebbe detto subbito: - So' pronta. -
Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede;

anzi je disse: - Stattene lontano ... -
Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta,
ancora ce se mozzica le mano!