Umberto Saba - Quello che resta da fare ai poeti - 1959 (prima edizione numerata - con autografo)
 400

Spedizione a/Shipping to:

richiesta informazioni

Umberto Saba - Quello che resta da fare ai poeti - 1959 (prima edizione numerata - con autografo)

SABA UMBERTO.  Quello che resta da fare ai poeti. Trieste, Edizioni dello Zibaldone (Fratelli Cosarini), 1959 (Aprile).

Cm. 17,5, pp. 71 (9). Tiratura di 525 esemplari numerati + 25 destinati agli invii omaggio ad personam. Copia "omaggio" a Giovanni Grazzini [1925-2001, notissimo critico cinematografico fiorentino] con invio autografo di Anita Pittoni [curatrice delle Edizioni dello Zibaldone e autrice dell'introduzione] datato Trieste 1971. Conservato all'interno l'inserto dello Zibaldone riguardante l'inedito. Un ritratto fotografico di Saba di Ruggero Rovan applicato all'antiporta e 2 tavole f.t. Decine di piccoli riquadri contenenti frammenti del manoscritto sabiano pubblicati al verso delle pagine. Brossura editoriale con alette e facsimile di autografo al piatto anteriore. Dorso leggermente brunito. Esemplare ben conservato, ancora parzialmente intonso. Questo interessante saggio, scritto nel 1911, fu inviato da Saba a "La Voce" e rimase inedito per il rifiuto di Scipio Slataper. Nota introduttiva di Anita Pittoni. Prima edizione postuma. Cfr. Gambetti- Vezzosi, Rarità bibliografiche del Novecento italiano, p. 796: "Non comune e molto ricercato".

 400

Spedizione a/Shipping to:

richiesta informazioni