Il brigantaggio nel Risorgimento: Cardinali - I briganti e la corte pontificia 1862 (30 litografie)

CARDINALI EMIDIO.  I briganti e la corte pontificia ossia la cospirazione borbonico-clericale svelata. Riflessioni storico-politiche con seguito della storia completa e documentata sul brigantaggio. Livorno, a spese degli editori L. Davitti e C., 1862.

Due volumi di cm. 23, pp. 576; 456, xxiii (1). Con 30 bellissimi ritratti litografici f.t. su cartoncino (più o meno marcatamente color seppia). Legatura del tempo in mezza pelle con e filetti in oro. Minimi segni del tempo alla legatura. Lievi e sporadiche fioriture, alcune carte leggermente brunite a causa della qualità della carta. Esemplare nel complesso genuino e ben conservato. Quest'opera dello storico romano Emidio Cardinali è certamente uno dei contributi più significativi del tempo relativamente alla storia del brigantaggio ed alle relazioni segrete con la corte pontificia. «Compito rigoroso della mia opera è la storia del brigantaggio dalla sua organizzazione presso la corte romana, col corredo di opportune riflessioni politiche», è l'incipit che rivela una lettura molto di parte del fenomeno, quella di un liberale acidamente anticlericale e antiborbonico. L'Autore oltre a descrivere il fenomeno del brigantaggio, prende di mira lo Stato pontificio, la corte in esilio dell'ex Re delle Due Sicilie Francesco II e infine la politica neutrale ed attendista del governo francese di Napoleone III. Rara prima edizione. Cfr. Iccu.