Leopardi - Paralipomeni della Batracomiomachia - 1842 (ristampa Le Monnier della prima edizione)

LEOPARDI GIACOMO.  Paralipomeni della Batracomiomachia. Parigi (ma Firenze), Libreria Europea di Baudry (ma Le Monnier), 1842.

Cm. 18,5, pp. 136. Brossura editoriale. Lievi e naturali fioriture sparse. Ottimo esemplare. Poemetto satirico scritto da Giacomo Leopardi a partire dal 1831 durante il suo soggiorno napoletano. Si presenta come continuazione alla Batracomiomachia ovvero Battaglia dei topi e delle rane, poemetto ellenistico erroneamente attribuito a Omero già tradotto anni prima da Leopardi. Il poemetto tratta, sotto la veste favolosa, gli avvenimenti politici del 1820-21 e il fallimento dei moti rivoluzionari, satireggiando Austriaci (rappresentati dai granchi, alleati delle rane), Borbone (rane), e gli insorti liberali napoletani (i topi). Celebre contraffazione della prima edizione edita a Firenze da Le Monnier dietro falso luogo di stampa che si distingue dall'edizione originale per questi particolari: a p. 22, linea 8 "carezzevole" in luogo di "carrozzevole", diverso colore della brossura (rosa e non gialla) e infine l'assenza del foglio finale con l'annuncio di pubblicazioni di Baudry. Cfr. Parenti, Prime edizioni, 309; Mazzantini, 694; Iccu.