Il diritto costituzionale nell'Ottocento: Romagnosi - La scienza delle costituzioni - Firenze 1850

ROMAGNOSI GIAN DOMENICO.  La scienza delle costituzioni. Opera postuma. Firenze, a spese degli Editori, 1850.

Cm. 21, pp. 715 (1). Bella legatura coeva in mezza pelle con titoli e filetti in oro al dorso. Lievi fioriture sparse, peraltro esemplare ben conservato. Importante opera (in gran parte postuma) del celebre giurista e pensatore di Salsomaggiore Gian Domenico Romagnosi (1761-1835). Quest'edizione raccoglie tutti gli scritti di teoria costituzionale dell'Autore, una sorta di summa della sua dottrina giuspubblicistica. Romagnosi argomenta la necessità di una costituzione che salvaguardi l'istituzione monarchica e nel contempo consolidi gli equilibri tra poteri. “Interprete geniale delle conquiste della Rivoluzione Francese, il Romagnosi, seguace del Vico, ha saputo mirabilmente fondere i principi vivi della rivoluzione stessa con le esigenze nazionali di quei paesi che, come l'Italia, avevano tradizioni monarchiche. Cosicché la sua opera costituisce quasi un codice di quelle monarchie costituzionali, che sorsero in Europa dai movimenti liberali e nazionali del XIX sec.” (Dizionario Bompiani delle Opere, VI, 570-571). Rara edizione fiorentina impressa due anni dopo l'originale torinese. Cfr. Iccu.