Renatus Choppinus - De domanio Franciae - 1621 (e altre 2 opere)

CHOPPINUS RENATUS.  De domanio Franciae libri III. Parisiis, apud Laurentium Sonnium , 1621.

Pp. (12) 498 (108). Unito a: CHOPPINUS RENATUS. De civilibus parisiorum moribus ac institutis libri III. Parisiis, apud Miachaelem Sonnium, 1624. Pp. (8) 549 (63). Unito a: CHOPPINUS RENATUS. De privilegiis rusticorum lib. III. Parisiis, apud Laurentium Sonnium, 1621. Pp. 120 (36). Tre opere in un volume di cm. 35. Bellissimi marchi tip. ai frontespizi bicromi, testatine, finalini e graziosi capilettera xilografici. Leg. del tempo in piena pelle; dorso a 6 nervi con titoli e fregi in oro, piatti inquadrati da duplice filetto dorato. Antico restauro al dorso e ad un piatto, qualche alone marginalesporadiche macchiette sparse. Esemplare nel complesso ben conservato. René Choppin (1537-1606), celebre giureconsulto francese, dedicò buona parte delle sue attenzioni scientifiche ai rapporti tra potere del re e della chiesa nonché alle antiche consuetudini, centrali nell'evoluzione del diritto francese. Il contributo di Choppin è considerato rilevante anche nell'ottica dello studio delle dottrine politiche francesi tardo-cinquecentesche. Queste tre opere sono rispettivamente dedicate alla natura ed all'esercizio della sovranità in Francia, alle consuetudini ed al diritto proprio parigino ed infine al diritto agricolo. Edizioni non comuni e ricercate, soprattutto nel caso de il De domanio Franciae, opera assai rilevante nell'ambito della tradizione giuspolitica dell'Età moderna. Cfr. Kvk; non in Sapori.