Cicero - De officiis libri tres, Cato Maior, Laelius, Paradoxa, Somnium Scipionis - 1688

CICERO MARCUS TULLIUS.  De officiis libri tres, Cato Maior, Laelius, Paradoxa, Somnium Scipionis. Ex recensione Ioannis Georgii Graevii. Cum ejusdem notis, ut & integris animadvertionibus Dionysii Lambini, Fulvii Ursini, Caroli Langii, Francisci Fabritii Marcodurani, Aldi Manutii, nec non selectis aliorum. Accessit Favonii Eulogii Rhettoris Cartaginiensis in Ciceronis Somnium Scipionis disputatio, nec non Caelii Calcagnini disquisitiones in de officiis libros. Amstelodami, ex Typogrphia P. & I. Blaeu, 1688.

Due parti in un volume di cm. 20, pp. (16) 688 (66); 452 (16). Bellissimo primo frontespizio calcografico. Bella legatura coeva in piena pergamena rigida con titoli ms. al dorso; tagli spruzzati. Qualche sporadica fioritura. Ottimo esemplare. Bellissima edizione Blaeu delle seguenti opere ciceroniane: De officiis, Cato Maior de senectute, Laelius seu de amicitia, Paradoxa Stoicorum e Somnium Scipionis (ovvero l'ultima parte del sesto libro de De re publica). Il filologo olandese Johann Georg Graeve (1632-1703), curatore di questa edizione, si dedicò con indiscussa autorevolezza alla storia dell'antichità classica. Le note critiche si devono al lavoro cinquecentesco del filologo francese Dionysius Lambinus (1520-1572). La seconda parte dell'opera include i celebri commentari ai testi ciceroniani di Aldo Manuzio e di altri autori rinascimentali.Verosimilmente prima edizione curata da Graeve, ristampata nel 1689, 1691, 1695, 1710 e 1716. Cfr. Graesse, II, 176; Kvk.