Raccolta di varii libri d'historie del regno di Napoli - 1678-80

VILLANI MATTEO - CONTARINI LUIGI - DI FALCO BENEDETTO.  Raccolta di varii libri, overo opuscoli d'historie del regno di Napoli di varii, et approbati autori, che con difficoltą si trovano. Di nuovo fedelmente ristampati e corretti, nella quale si contengono l'infrascritti, cioč le croniche dell'inclita cittą di Napoli con li bagni di Pozzuolo e Ischia. In Napoli, nella regia stampa di Castaldo, appresso Porsile, 1680.

Pp. (8) 120. Unito a: CONTARINI LUIGI. Dell'antichitą, sito, chiese, corpi santi, reliquie, et statue di Roma. Con l'origine, e nobiltą di Napoli. In Napoli, per Gioseppe Cacchii, 1569 et ristampato per Carlo Porsile, 1678. Pp. 92, (5); (2), 4-170 (2). Unito a: DI FALCO BENEDETTO. Antichitą di Napoli e del suo amenissimo distretto. In Napoli, per Carlo Porsile, 1679. Pp. 64. Tre parti (con autonomi frontespizi) in un volume di cm. 22. Graziose vignette ai frontespizi (la terza raffigurante la zona Flegrea nel golfo di Pozzuoli), finalini ed eleganti testatine xilografiche; bella veduta del castello di Ischia a p. 1 della prima opera. Bella legatura coeva in piena pergamena con titoli ms. al dorso. Lievi e sporadiche arrossature, strappetti senza mancanza a p. 31 (prima opera) e a p. 23 (seconda parte, seconda opera). Esemplare fresco e ben conservato. Interessante edizione che riunisce le ristampe di tre rarissime opere di storia napoletana, quasi introvabili nelle edizioni originali. La prima opera, detta anche Cronaca di Partenope e falsamente attribuita al cronista trecentesco Giovanni Villani, fu stampata a Napoli nel 1526. Questa prima storia vernacolare di Napoli descrive eventi accaduti tra l'antichitą e il 1343. Il capitolo finale č dedicato ai bagni di Pozzuoli e Ischia. La seconda opera, stampata per la prima volta a Napoli nel 1569, si deve al lavoro di Luigi Contarini (detto il Crocifero), ecclesiastico e storico nativo di Venezia, ma attivo tra Roma e Napoli nella seconda metą del Cinquecento. L'opera descrive le principali bellezze artistiche di Roma e Napoli. La terza opera, scritta da Benedetto Di Falco (1480-1540) e stampata per la prima volta nel 1535, descrive le principali antichitą di Napoli. Cfr. Iccu, Bibliotheca Platneriana, pp. 228-29, per edizioni antecedenti; Santoro, 2185.