Ludovico Antonio Muratori - Dissertazioni sopra le antichità italiane - 1763

MURATORI LUDOVICO ANTONIO.  Dissertazioni sopra le antichità italiane già composte e pubblicate in latino… Opera postuma data in luce dal proposto Gianfrancesco Soli Muratori suo nipote. Seconda edizione napolitana accresciuta di prefazioni e note opportune dall'abate Gaetano Cenni con indice più copioso. Divisa in tre tomi. In Napoli, a spese di Antinio Cervone, 1763.

Tre volumi di cm. 23,5, pp. iv, xx, 388; viii, 428; (4) viii, 360. Con 8 tavole incise in rame ripiegate f.t. raffiguranti prevalentemente medaglioni (alcune schede bibliografiche menzionano anche la presenzia di un ritratto, assente nella stragrande maggioranza degli esemplari censiti online). Legatura coeva in piena pergamena rigida con titoli in oro al dorso; tagli spruzzati. Trascurabili segni del tempo, lievi e uniformi fioriture tipiche della carta napoletana, sporadiche macchiette. Buon esemplare. Stimata edizione romana della traduzione italiana di questa fondamentale opera di Ludovico Antonio Muratori (1672-1750) che, attraverso la riscoperta di antiche carte, diplomi, lettere e cronache, cerca di ricostruire con spirito di spiccata erudizione le principali tappe della storia comunale italiana. Nonostante non risultino immuni da errori di ricostruzione storica, queste dissertazioni si rivelano fonte inesauribile di spunti di ricerca e vengono considerate come un vero e proprio monumento della cultura settecentesca italiana. Come sovente accade, i lavori muratoriani sono infatti veicolo di avvicinamento e comprensione di altre dottrine, a volte poco considerate o addirittura ignorate dalla storiografia. Cfr. Iccu.