Osservazioni che possono servir di continuazione al Giornal de' Letterati d'Italia - 1737/40

Osservazioni letterarie che possono servir di continuazione al Giornal de' Letterati d'Italia. In Verona, dalla stamperia di Jacopo Vallarsi , 1737-40.

Sei volumi di cm. 18, pp. xxiv, 358 (2); 379 (1); 324; 392 (2); (6) 405 (1); (6) 454. Con 22 belle tavole finemente incise f.t. (anche ripiegate), alcune incisioni n.t., medaglioni ai frontespizi, testatine e bei capilettera. Legatura verosimilmente ottocentesca in cartonato rigido con traccia di tasselli preesistenti al dorso, andati perduti. Firma di possesso alle sguardie. Sporadiche fioriture e macchiette sparse, qualche trascurabile alone, lievi segni di matita limitati al primo frontespizio. Esemplare nel complesso ben conservato. Scipione Maffei (1675-1755) fondò il Giornale de’ Letterati d’Italia insieme a Zeno e Vallisnieri nel 1710 (periodico che ebbe tra i collaboratori anche Muratori e Vico) e l’opera continuò tra il 1737 ed il 1740 con la pubblicazione di queste importanti Osservazioni letterarie che presentano decine di capitoli autonomi e monografici. Questi i principali argomenti trattati: osservazioni astronomiche di numerosi scienziati, recensioni di opere a stampa, scoperte scientifiche, memorie storiche, antiche iscrizioni, le comete, l’Aurora Boreale, monumenti antichi, gli Etruschi (l’intero quarto tomo) i marmi antichi, le lucerne, notizie su Corfù, descrizioni di eclissi, , notizie intorno ad Archimede, saggi sulle lingue antiche, ecc. Edizione originale, rarissima da trovarsi completa di tutti i volumi e di tutte le tavole. Cfr. Iccu.