Johann Joachim Winckelmann - Storia delle arti del disegno presso gli antichi - 1783

WINCKELMANN JOHANN JOACHIM.  Storia delle arti del disegno presso gli antichi tradotta dal tedesco e in questa edizione corretta e aumentata dall'abate Carlo Fea giureconsulto. In Roma, dalla Stamperia Pagliarini, 1783-1784.

Tre volumi di cm. 27, pp. (4) xcvi, 451 (1); 427 (1); xii, 604. Con bellissime vignette ai frontespizi, decine di testatine e finalini n.t., 64 magnifiche tavole f.t. incise finemente in rame. Primo volume: tavole disegnate da Piale, Dominici e Pignatari, incise da Bossi, Tinti, Cunego, Petrini, Baroni, Carettoni e Mochetti. Secondo volume: tavole disegnate da Piale e Salesa, incise da Dassori, Bossi, Mochetti, Carattoni. Terzo volume: tavole disegnate da Piale e Dolcibeni, incise da Carattoni, Faccenda, Campana e Bossi. Stupenda legatura coeva in piena pelle; dorso a 5 nervi con titoli su doppio tasssello e ricchi fregi in oro agli scomparti. Piatti inquadrati da elegante filetto dorato e tagli marmorizzati. Sporadiche e lievi arrossature. Esemplare peraltro fresco e ben conservato. Johann Joachim Winckelmann (1717-1768), celebre archeologo tedesco, scrisse numerose opere sulle antichità classiche, tra cui spicca la presente, uno dei principali contributi moderni di storia dell'archeologica (titolo originale: Geschichte der kunst des alternums). Così Cicognara (nr. 59) a proposito di questa edizione: "Queste note illustrano molto la storia delle Arti e resero preziosa l'edizione di Roma. Il ritratto dell'Autore trovasi nel terzo tomo, quello del Cav. D'Azara nel secondo, nel primo e' un frontespizio figurato, e il ritratto egualmente sulla pagina ove incomincia l'Elogio dell'Autore scritto da Heyne: edizione ricca di molte medaglie, monumenti, e vignette, oltre le 48 tavole in rame in fine de' volumi". Rara edizione. Cfr. anche Brunet, V, 1463; Graesse, VII, 461; Iccu.