Moto proprio di Pio V che disciplina il ricorso nelle cause criminali - Roma, Blado 1566

Motus proprius s.d.n.d. Pii papae V Reformationis alterius motus proprii fel. rec. Pii pape IIII super admissione appellationum causarum criminalium. (Romae, apud Antonium Bladum, impress. cameralem, 1566).

Cm. 31, pp. (4). Triplice stemma e alcuni capilettera xil. Marginale alone e piccole macchiette, peraltro buon esemplare. Moto proprio di Pio V che riforma un provvedimento di Pio IV sull'ammissibilità dell'appello nelle cause criminali. Cfr. Iccu.

Altri libri per "diritto criminale" o "diritto"